Archivio Categorie: Health

4 ragioni per mangiare frutta biologica

21728454_1490491137710510_2571001416696118654_n

Vi sono moltissime ragioni per scegliere di acquistare frutta bio, ma oggi vorremmo concentrarci sulle principali. Ecco le prime 5.

1) La frutta biologica è molto più ricca in nutrienti rispetto ad altri frutti non bio. Le ricerche dimostrano che la frutta biologica ha una maggior quantità di vitamina C, antiossidanti e minerali come calcio, ferro, cromo e magnesio. La frutta bio, inoltre, è libera dalle neurotossine che sono molto dannose per il nostro sistema nervoso. Aggiungiamo anche che la frutta bio ha decisamente un sapore migliore.

 

2) La frutta biologica è una vera guerrigliera nella lotta ai fertilizzanti, che rappresentano la maggiore fonte di inquinamento della nostra acqua potabile. Non è questo un buon motivo per scegliere frutta coltivata senza fertilizzanti?

3) Le aziende i cui lavoratori producono bio, sono più sicure. Fra i braccianti che raccolgono e coltivano frutta non biologica, infatti, c’è una maggiore incidenza del Parkinson in quanto questi sono più esposti ai fertilizzanti chimici. Produrre bio, allora, vuol dire amare chi lavora con e per noi.

4) Mangiare biologico può ridurre il rischio di cancro. L’EPA, l’Agenzia statunitense per la Protezione dell’Ambiente considera il 60% degli erbicidi, il 90% dei fungicidi e il 30% degli insetticidi come potenzialmente cancerogeni. E’ ragionevale pensare che la rapida crescita della percentuale di cancro sia almeno in parte relazionata con l’uso di questi pesticidi cancerogeni.

 

Gullino è amante del futuro da generazioni!

Gullino, future lovers for generations.

 

Gullino Save the Planet

bbbb

Teniamo moltissimo a far parlare di noi per l’attenzione che dedichiamo, ogni giorno, alla salvaguardia dell’ambiente.

We are very keen to make people talk about us for the attention we dedicate every day to safeguarding the environment.

Sentirsi dire che siamo solo una goccia in un oceano non ci piace molto, perché lo troviamo scoraggiante mentre noi crediamo fortemente nel contributo che arriva dal basso, da chi, come noi, produce ogni giorno e sceglie di farlo con metodi ecosostenibili.

We don’t like being told that we are just a drop in an ocean, because we find it discouraging while we strongly believe in the contribution that comes from below, from those who, like us, produce every day and choose to do it with eco-sustainable methods.

copia_di_cimg0751Per questo abbiamo scelto di produrre bio e di ricavare energia pulita dal sole.

For this reason we have chosen to produce bio and to obtain clean energy from the sun.

Con il biologico abbiamo fatto una precisa scelta di sostenibilità e qualità, portando sulle tavole dei consumatori un kiwi ed una mela con un basso impatto sul pianeta ed un altissimo impatto sul nostro organismo. L’agricoltura biologica, contrariamente a quella tradizionale, ha un basso impatto sul pianeta. Questo tipo di coltivazione, oltre a consumare meno energia ed emettere meno gas serra, funziona da serbatoio di carbonio: ogni ettaro così coltivato assorbe una tonnellata e mezza di CO2.

With organic we have made a precise choice of sustainability and quality, bringing a kiwi and an apple on the tables of consumers with a low impact on the planet and a very high impact on our body. Organic agriculture, unlike traditional agriculture, has a low impact on the planet. This type of cultivation, in addition to consuming less energy and emitting less greenhouse gases, functions as a carbon reservoir: each hectare cultivated in this way 02_gullino4absorbs a ton and a half of CO2.

Con l’installazione di pannelli fotovoltaici sui nostri stabilimenti, invece, produciamo energia pulita e limitiamo le immissioni in atmosfera di CO2, SO2 e NOX. L’energia che produciamo viene utilizzata per confezionare i prodotti che andranno sul mercato.

With the installation of photovoltaic panels on our plants, however, we produce clean energy and limit the emissions of CO2, SO2 and NOX into the atmosphere. The energy we produce is used to package the products that will go on the market.

Sono due dei nostri grandissimi traguardi raggiunti negli ultimi anni di attività.

These are two of our great achievements in the last years of activity.

More info: www.gullino.it 

Il kiwi è un SUPERFOOD e aiuta il sistema immunitario

bbb

Lo dice uno studio dell’Università di Cambridge (download articolo pdf) e lo confermano diverse evidenze: il kiwi è un frutto ideale per l’aumento delle difese immunitarie.

A study by the University of Cambridge says it (download article pdf) and several evidences confirm it: kiwifruit is an ideal fruit for the increase of the immune defenses.

E’ una buona fonte di numerose vitamine, minerali, fibre alimentari e contiene una serie di sostanze fitochimiche che conferiscono moltissimi benefici per la salute.

It is a good source of numerous vitamins, minerals, dietary fiber and contains a series of phytochemicals that confer many health benefits.

Quando un alimento ha molte capacità benefiche per la salute ed è ricco di caratteristiche nutrizionali, viene definito un superfood, e il nostro frutto verde rientra a pieno titolo in questa categoria.

When a food has many beneficial properties for health and is rich in nutritional characteristics, it is called a superfood, and our green fruit falls fully into this category.

Il consumo di kiwi verdi può avere effetti positivi sulla salute cardiovascolare perché favorisce l’attività antiossidante, l’inibizione dell’aggregazione piastrinica, l’abbassamento dei livelli di TAG e la salute generale dell’intestino perché funge da buon lassativo, favorendo la digestione e promuovendo la microflora intestinale sana.

The consumption of green kiwis can have positive effects on cardiovascular health because it promotes antioxidant activity, inhibition of platelet aggregation, lowering of TAG levels and general health of the intestine because it acts as a good laxative, promoting digestion and promoting healthy intestinal microflora.

blog-smoothie-life-drink-kiwiL’importanza dell’alimentazione per la funzione immunitaria è ben nota. Carenze di vitamine A, C, E, B 6 e B 12, acido folico, Zn, Cu, Fe e se associate a compromissione della funzione immunitaria aumentano esponenzialmente la suscettibilità alle malattie. Lo studio svolto dall’Università di Cambridge dimostra proprio che il kiwi favorisce l’aumento delle difese immunitarie perché sovraregola diversi insiemi di geni correlati a “immunoresistenza” e “riparazione del DNA”.

The importance of nutrition for immune function is well known. Deficiencies in vitamins A, C, E, B 6 and B 12, folic acid, Zn, Cu, Fe and if associated with impaired immune function increase the susceptibility to diseases exponentially. The study carried out by the University of Cambridge shows that kiwifruit favors the increase of the immune defenses because it upregulates different sets of genes related to “immunoresistance” and “DNA repair”.

Perché ricorrere ai farmaci quando si sta male se possiamo fare qualcosa per noi stessi, giorno dopo giorno?

Why resort to medication when we are sick if we can do something for ourselves day after day?

Vi lasciamo con la speranza che, da oggi, possano iniziare le vostre scorpacciate a base di kiwi Gullino.

We leave you with the hope that, from today, your fries with Gullino kiwis can start.

 

Il 2020 è l’anno internazionale dedicato alla salute delle piante

copertina facebook

Il governo della Finlandia e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) hanno proclamato il 2020 come anno di riconoscimento e protezione della salute delle piante per ricordarci che dal mondo vegetale dipende la nostra vita sulla Terra. Sarà questa un’opportunità unica nella vita per sensibilizzare il mondo su come proteggere la salute delle piante, porre fine alla fame, ridurre la povertà, proteggere l’ambiente e favorire lo sviluppo economico.

E’ proprio dalle piante che viene più dell’80% delle risorse alimentari che consumiamo e il 98% per cento dell’ossigeno che respiriamo. Gli ecosistemi forestali, ad esempio, forniscono all’uomo materie prime, sono culle di biodiversità e disinquinano l’aria che Le-piante-hanno-unanima_La-chiave-di-Sophia-w855h425@2xrespiriamo.

L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) stima che 20 miliardi di dollari nel commercio di prodotti agricoli sono persi ogni anno a causa di parassiti delle piante. Una migliore applicazione di norme fitosanitarie a livello globale ridurrebbe queste perdite, faciliterebbe il commercio internazionale e sosterrebbe anche la sicurezza alimentare.

Gli infestanti e le malattie delle piante costano all’economia globale circa 220 miliardi di dollari all’anno e gli insetti dannosi circa 70 miliardi di dollari.

“Ci auguriamo che questo nuovo Anno Internazionale della Salute delle Piante possa innescare una maggiore collaborazione globale a sostegno delle politiche fitosanitarie a tutti i livelli, che contribuirà in modo significativo all’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile” ricorda Jari Leppä, Ministro dell’Agricoltura e delle Foreste finlandese.

 

Tutto ciò dimostra che il concetto di salute è trasversale e non riguarda soltanto l’essere umano, anzi, tutti gli organismi viventi sono interconnessi e dal benessere dell’uno dipende quello dell’altro.

Ragazzi, serve più frutta e stop alle fake news

linee guida

Contrastare le malattie degenerative  e l’obesità a partire dall’infanzia. E’ questo il motivo per cui sono state aggiornate, dopo ben 15 anni, le “Linee Guida per una Sana Alimentazione” curate dal CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria).

Le nuove linee guida rappresentano la summa delle raccomandazioni basate sugli alimenti e sulla dieta e tengono molto conto dei fattori culturali e delle tradizioni locali, indicando alimenti che consentono di rispettarle senza trascurare i fabbisogni di nutrienti ed energia.

In Italia la prima edizione delle linee guida è stata pubblicata nel 1986. Erano al tempo, e sono tutt’ora, lineele uniche indicazioni istituzionali valide per consigliare al cittadino un’alimentazione equilibrata.

Le linee guida indicano la necessità di consumare più frutta. Gli italiani, oggi, ne consumano abbastanza ma la quantità si aggira intorno ai 200 grammi, che è la metà della dose raccomandata.  Gli ultimi studi scientifici, inoltre, hanno dimostrato che esiste un legame tra consumi di frutta  e prevenzione delle malattie cronico-degenerative e obesità. Ad esempio proprio per il contrasto dell’obesità è stato proposto l’adattamento delle porzioni dei diversi alimenti per renderle idonee anche a bambini e ragazzi.

La frutta, inoltre, è un alimento che riempie lo stomaco con poche calorie, dona un gran senso di sazietà ed è ricca di fibre, vitamine e sali minerali.

Le linee guida portano anche la nostra attenzione sulle fake news che attanagliano i consumatori, invitandoci ad essere critici verso stili dietetici in voga come quello iperproteico, paleolitico, Atkins e Dukan. Consultare un medico dietologo che possa abbinare la dieta corretta è il primo passo per essere dei cittadini responsabili.

Come va fatta la merenda? Ecco 56 abbinamenti sani

come va fatta la merenda

Kiwi, Mele, arance, banane, ma anche mandorle, nocciole o una pizza bianca con hummus di ceci e pomodori. E’ così che dovrebbero fare merenda bambini e giovanissimi dai 4 ai 17 anni.

MANIFESTO-DELLA-MERENDALa merenda dei nostri piccoli si amplia sempre più andando verso soluzioni vegetariane ed abbinamenti inconsueti. A stabilire le caratteristiche che una merenda dovrebbe avere sono stati l’Unione Italiana Food e l’Istituto Bambino Gesù per la salute del Bambino e dell’Adolescente che hanno ideato un Manifesto composto da otto parole per spiegare come bambini e ragazzi dovrebbero vivere questo momento.

Durante l’iniziativa, l’Istituto Bambino Gesù per la salute del Bambino e dell’Adolescente ha presentato anche un ‘calendario’ settimanale di 56 merende, dolci e salate, per quattro fasce d’età (4-6 anni, 7-11 anni, 12-14 anni, 15-17  anni) che potete consultare cliccando questo link www.merendineitaliane.it . Da questa esperienza ne è nato un manifesto in 8 parole che definisce le buone pratiche di questo momento di consumo tipicamente italiano.

Ecco le 8 parole per iniziare questa esperienza di healtyfood!

1) Quotidiana

2) Adeguata

3) Moderata

4) Saziante

5) Varia

6) Dolce

7) Salata

8) Serena

 

Chi mangia più frutta in Europa?

chi mangia più

Mangiare frutta e verdura quotidianamente è fondamentale per la nostra salute, in questo modo assumiamo nutrienti essenziali, fibre e diminuiamo il rischio di obesità e lo sviluppo di patologie quali il diabete. Secondo uno studio  dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il consumo di frutta e verdura aiuta anche a prevenire la comparsa di malattie cardiovascolari e alcuni tipi di tumori, ad esempio quelli del tratto gastrointestinale.

frutta-verduraI benefici sono moltissimi ma noi quanta frutta mangiamo per renderli effettivi? Una recente ricerca ripresa dallo European Data Journalism Network  si è occupata di elaborare i dati forniti da Eurostat sul consumo di frutta e verdura nei paesi membri e in alcune zone dell’area dei Balcani. Da questa indagine emergono alcuni dati entusiasmanti ed altri meno. Ad esempio si rileva che circa il 64% della popolazione europea assume quotidianamente frutta e verdura. Alcuni Stati sono un modello per il consumo di questi alimenti sani; si tratta di Italia, Spagna, Portogallo e Slovenia che ne mangiano in numero grandemente al di sopra della media europea. In coda, invece, alcuni Paesi che hanno ancora da lavorare molto, come la Bulgaria e la Romania

I più mangioni di verdura, invece? Ancora una volta gli italiani con sloveni e serbi.

Obesità infantile. Cosa sta succedendo?

obesità infantile

Secondo i dati più recenti rivelati dall’UNICEF e dall’ONU, l’obesità in Italia interessa il 36% dei bambini e degli adolescenti. La proiezione al 2030 vede circa 1,3 milioni di bambini obesi o in sovrappeso. Cosa fare?

According to the most recent data revealed by UNICEF and the UN, obesity in Italy affects 36% of children and adolescents. The projection to 2030 sees about 1.3 million obese or overweight children. What to do?

Continua a leggere

Friday for Future

friday for future

Si parla finalmente di futuro ed ecologia. Lo si fa sugli autobus, nelle scuole, in famiglia e nelle aziende perché sembra arrivato il momento che aspettavamo da sempre: iniziare ad essere sensibili al tema ecologico.

We are finally talking about the future and ecology. It is done on buses, in schools, in the family and in companies because it seems the time has come that we have always been waiting for: to start being sensitive to the ecological theme.

La sensibilità è il fattore motivante dei grandi cambiamenti, per questo anche noi di Gullino crediamo fortemente nei #fridayforfuture, nell’importanza di scendere in piazza per parlare agli altri e mandare un messaggio forte, che vuole smuovere le coscienze e “bombardare” mediaticamente, finché la causa sarà cara a tutti.

bzona-1-90919.660x368Sensitivity is the motivating factor for big changes, that’s why we at Gullino also strongly believe in #fridayforfuture, in the importance of taking to the streets to talk to others and send a strong message, that wants to move consciences and “bomb” mediatically, until the cause is dear to everyone.

Il passo successivo sarà quello spettante ai Governi, alle multinazionali, a chi decide quotidianamente per noi, ma di una cosa siamo certi: senza la base non si va mai troppo lontano.

The next step will be that of governments, multinationals, those who decide daily for us, but we are certain of one thing: without the base, we never go too far.

Il Friday for future, noto anche come sciopero scolastico per il clima, è un movimento non violento di protesta, composto da alunni, studenti, insegnanti che decidono di non frequentare le lezioni scolastiche per partecipare a manifestazioni in cui chiedono e rivendicano azioni atte a prevenire il riscaldamento globale e il cambiamento climatico.

Greta-Thunberg-2Friday for future, also known as the climate school strike, is a non-violent protest movement, composed of students, students, teachers who decide not to attend school lessons to participate in events in which they ask and demand actions to prevent global warming and climate change.

L’organizzazione delle proteste e del movimento iniziò quando la svedese Greta Thunberg organizzò un’azione di protesta al di fuori del Riksdag (Parlamento del Regno di Svezia), con un cartello che recitava “Skolstrejk för klimatet” (Sciopero scolastico per il clima) durante l’agosto 2018.

The organization of the protests and the movement began when the Swedish Greta Thunberg organized a protest action outside the Riksdag (Parliament of the Kingdom of Sweden), with a sign that read “Skolstrejk för klimatet” (Climate school strike) during August 2018.

Il 27 settembre 2019 è stato l’ultimo FridayForFuture ed ha avuto una partecipazione mondiale. Moltissime anche le città italiane che hanno aderito, tanto da portare la nostra nazione ai vertici della classifica per partecipazione. La stessa Greta ha elogiato gli studenti e gli insegnanti che hanno sfilato nella nostra vicina città di Torino.

img800-la-sponda-degli-scienziati-afridays-for-future-143155On 27 September 2019 it was the last FridayForFuture and it had a worldwide participation. There are also many Italian cities that have joined, so as to bring our nation to the top of the ranking by participation. Greta herself praised the students and teachers who marched in our nearby city of Turin.

Aldilà dei racconti, ognuno di noi dovrebbe fare qualcosa per le cause climatiche. Differenziare e farlo correttamente non è più sufficiente. Sembrava la svolta negli anni ’90 ma non è sufficiente. Noi di Gullino ci impegniamo, ad esempio, a rendere più sostenibile la nostra azienda grazie all’installazione di impianti fotovoltaici che ci permettono di limitare le immissioni in atmosfera di CO2SO2 e NOX con un notevole risparmio dei prelievi dalla rete nazionale e conseguenti benefici per l’ambiente. Produciamo biologico e anche grazie a questa scelta tuteliamo l’ambiente.

Beyond the stories, each of us should do something about the climatic causes. Differentiating and doing it correctly is no longer enough. It seemed the turning point in the 90s but it is not enough. At Gullino we are committed, for example, to making our company more sustainable thanks to the installation of photovoltaic systems that allow us to limit emissions into the atmosphere of CO2, SO2 and NOX with a considerable saving in withdrawals from the national network and consequent benefits for the environment. We produce organic and also thanks to this choice we protect the environment.

Ma ne siamo consapevoli. Non è abbastanza.

Il nostro impegno per il futuro di tutti è quello di continuare a ripetercelo ogni giorno!

But we are aware of it. Is not enough.

Our commitment to everyone’s future is to keep repeating it to us every day!

#Fridayforfuture

Maschera idratante al kiwi

maschera-viso-al-kiwi

Idratarsi è importantissimo ma non basta bere acqua. Altrettanto importante, infatti, è l’assunzione di frutta, specie quella più ricca di acqua. Il kiwi, ad esempio, è una bomba di H2O e se mangiato tutti i giorni può favorire l’elasticità della pelle.

Un effetto ancora più brillante e cosmetico lo darà la maschera la kiwi, che oggi ti invitiamo a preparare.

Per preparare la maschera serve 1 kiwi Gullino, 1 cucchiaio di yogurt bianco, 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva.

Sbuccia il kiwi e aggiungi lo yogurt e l’olio di oliva, mescola bene e applica sul viso con un pennello, evitando il contorno occhi. Tieni in posa per almeno 15 minuti, poi elimina con acqua tiepida e l’aiuto di una spugnetta.

 

1 2 3 9