Archivio Categorie: Health

L’intelligenza del kiwi e la vitamina K

albert-einstein-4991

Che il kiwi fosse ricco di vitamina C è una conoscenza ormai consolidata, ma forse non tutti i nostri lettori sanno che dietro il frutto verde si cela una vitamina ai più sconosciuta: la vitamina K.

The kiwi is rich in vitamin K.

alimenti-che-fanno-bene-al-cervelloSi tratta di una vitamina che è presente nel kiwi, come pure in tutta la verdura a foglia verde (biete, spinaci, carciofi …). Le sue proprietà sono preziosissime e vanno a confermare l’effetto antiossidante che contraddistingue il kiwi.

This vitamin is in leafy green kiwi fruit and in green leafy vegetables.

Nello specifico la vitamina K aiuta a gestire la coagulazione del sangue e previene la calcificazione delle arterie, protegge le ossa ma, più importante di tutto, ha effetti anti infiammatori per le cellule cerebrali. Cosa vuol dire? Che con il kiwi saremo giovani più a lungo e riusciremo a combattere il veloce declino cognitivo.

Vitamin K has these properties: it protects the bones, it makes liquid blood and it protects brain cells by inflammation. Then the kiwi limits cognitive decline.

Questa vitamina, inoltre, è essenziale per la sintesi di alcuni grassi che proteggono i nostri nervi.

care-giverAlcuni ricercatori della Rush University Medical Center con sede nell’Illinois, negli Stati Uniti, hanno studiato la correlazione fra le facoltà cognitive di un campione di soggetti anziani ed il consumo di verdura e frutta contenente vitamina K. Nel caso di consumo di vitamina K il tasso di declino cognitivo era significativamente ridotto. Allo stesso scopo contribuiscono la luteina e l’acido folico.

Some researchers have demonstrated that taking Vitamin K slows cognitive decline. These researchers work to Rush University Medical Center, in Illinois.

Il kiwi non si smentisce mai. Mangiarlo è un vero atto di amore verso noi stessi.

Eat kiwi means love yourself.

Credit photo

Credit photo

Credit photo

Caldo? Ecco alcuni rimedi naturali

watermelon-846357_960_720

Soffri il caldo e non sai più quale rimedio adottare? Gullino ha alcune dritte da darti .. economiche e naturali.

We give you some tips from the heat.

Iniziamo dalla cura dell’ambiente domestico.

Al mattino prima di lasciare la tua casa chiudi bene le finestre e le gelosie/persiane; in questo modo troverai la casa fresca al tuo rientro di sera. Aumenta la quantità di verde sia sul terrazzo che dentro casa: le piante abbassano la temperatura dell’ambiente di un paio di gradi.

legs-434918_960_720Close the windows before going out in the morning. Remember that the plants lower the temperature.

Rispetto all’alimentazione è opportuno evitare alcuni cibi che fanno aumentare la temperatura corporea. Quindi al bando barbabietole, aglio, radicchio e spinaci ma non tralasciamo il consumo di tanta frutta e verdura, per fare scorta di sali minerali ed acqua. In particolare si possono mangiare le pesche, che forniscono al nostro organismo minerali ricostituenti, come il potassio e il calcio. Le susine sono adatte a chi vuole depurare il corpo, oltre ad essere dei frutti molto energetici. Melone e anguria dissetano, oltre a possedere virtù diuretiche. Invece del gelato, più calorico e ricco di zucchero, fai merenda con i frullati. In questo blog troverai diverse ricette adatte ad ogni gusto.

woman-984295_960_720Eat plenty of fruits and vegetables because they are rich in mineral salts and water. For snack drink smoothies. On our blog we have many recipes.

E per dare sollievo alle gambe gonfie? Segui il trucco delle hostess, abituate a lunghi viaggi. Di notte dormi con un cuscino sotto le gambe per scaricarle.

Sleep with your legs raised! It is a good way to help swollen legs.

Infine diamo una controllata al look.

Per proteggersi dal caldo non servono vestiti eccessivamente scollati ed è vietato l’uso del nylon e dei materiali acrilici.  Prediligi cotone e lino perché tutte le fibre naturali come la canapa aiutano a mantenere fresca la pelle. Non indossare mai il colore nero ma prediligi colori pastello. Ricorda .. è estate anche per i colori!

Finally the look! Don’t use the nylon but uses only natural fibers (cotton, linen, hemp).

Buone vacanze da Gullino!

Happy holidays by Gullino!

 

Centrifugato anti-caldo con kiwi

ener

Temperature da record? No problem, i kiwi sono ideali per ripristinare liquidi, vitamine e sali minerali sono alcuni speciali centrifugati in formula anti-caldo.

Vi proponiamo alcuni mix vincenti da bere come rinfrescante spuntino o merenda da consumare a piacimento.

Centrifugato di kiwi e arance ricco di Vitamina c

kiwi

I kiwi e le arance sono ricchi di vitamina C. Il centrifugato di kiwi e arance aiuterà l’organismo a fare scorta di potassio e vitamina K. Questa ricetta viene consigliata per ridurre il colesterolo, per incrementare l’assorbimento del ferro e per depurare l’organismo.

La ricetta

Centrifugato di kiwi, zenzero, mela e arance per il cervello

energy

Questo cocktail analcolico è ricco di vitamina C (arance e kiwi), una sostanza indispensabile per elevare i livelli di adrenalina e noradrenalina nel cervello. Questi due importanti neurotrasmettitori vi aiuteranno a mantenere “accesa” l’attenzione. Non solo, sarete più vigili e reattivi grazie anche alle proprietà dello zenzero.

La ricetta

 

Centrifugato di kiwi, sedano e melone giallo

gullino_sedano-melone

Questo centrigufato ha delle proprietà dissetanti e depurative. Mettete due kiwi, due gambi di sedano e due fettine di melone giallo nella centrifuga. Un afettina di radice di zenzero non guasta.

La ricetta

La frutta batte il cibo spazzatura. A scuola solo qualità

bimba verdura

Arriva in Commissione Affari Sociali la proposta di legge che prevede l’eliminazione del cibo spazzatura, junk food, di alimenti e bevande che nutrono male i nostri studenti. Nelle scuole italiane si proverà ad eliminare dai distributori automatici di snack tutti quei prodotti alimentari che sono dannosi per la salute, quali patatine fritte, bibite gassate, merendine e cibi con un elevato apporto di acidi grassi saturi, acidi grassi trans, zuccheri aggiunti, sodio e nitriti. 

In Italy you want to eliminate junk food from schools. A law proposal wants to eliminate junk food from food distributors. Harmful foods are: chips, sodas, snacks, fat ecc ..

Al bando, quindi i dolcificanti, la caffeina, la teina, la taurina ed altre sostanze che non favoriscono l’apprendimento e la concentrazione e pesano sulla salute di giovani e giovanissimi.

10DBG13G01_01_01-ksYH-U43210186681296uzE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443Eliminated sugars, taurine that are harmful to young people.

L’Italia, infatti, è un paese ricco di biodiversità alimentare e i produttori agricoli potranno trarre molti vantaggi dal rifornire le aziende produttrici di snack che, per forza di cose, dovrebbero adeguarsi a lanciare sul mercato merendine e bibite realizzate con prodotti freschi dell’orto.

In Italy there is a lot of biodiversity and you can produce snacks and drinks with fresh products, grown in the vegetal garden.

Se la norma passasse i nostri figli potrebbero fare un break salutare a base di frutta fresca, frutta secca, marmellata biologica e yogurt, tutti alimenti sani che favoriscono la filiera corta.

If it passes the norm our children, at school, can eat fresh fruit, dried fruit, yogurt, jam and healthy foods.

imagesLa necessità di introdurre una norma così restrittiva nelle scuole italiane nasce dal dato che presenta i bambini e gli adolescenti italiani fra i più in sovrappeso d’Europa. Di qui l’idea di iniziare un’educazione alimentare a scuola, dove è più facile ingurgitare calorie «cattive» comprando con pochi spiccioli al distributore una merendina durante una pausa tra le lezioni.

In Italy there is concern because young people are overweight. It’s important to make nutrition education at school because here we eat more junk food.

Non possiamo che attendere l’esito del percorso normativo e sperare in una scuola ricca di frutta.

Credit photo

Credit photo

Credit photo

 

La Prevenzione in 8 Semplici Mosse

wellness-1382475_960_720

Una sana alimentazione associata a uno stile di vita attivo è il segreto per la prevenzione, la gestione e il trattamento di molte malattie, anche di origine tumorale. Un regime dietetico adeguato ed equilibrato garantisce un giusto apporto di nutrienti ma permette anche di ricevere sostanze che svolgono un ruolo protettivo e preventivo nei confronti di determinate malattie.

A healthy diet and an active lifestyle protect from disease. Some substances have a beneficial role to preventing cancer.

Scopriamo insieme come fare una prevenzione serena a casa nostra:

Together  we discover how to do prevention at home:

  1. Manteniamoci magri (Lose weight!): è accertata la correlazione fra obesità e malattie croniche
  2. Consumiamo più frutta e verdura (Eat fruits and vegetables!): consumando alimenti di origine vegetale è possibile ridurre il rischio di cancro ma anche di sovrappeso e obesità
  3. Limitiamo o escludiamo le bevande zuccherate (We do not drink sugary things!): una dieta troppo ricca di prodotti industriali carichi di zuccheri è spesso correlata a un aumento del rischio di sovrappeso e obesità; queste due condizioni aumentano il rischio di cancro e di numerose altre patologie croniche
  4. Facciamo sport (Practice sport!): la relazione tra attività fisica e ribackground-1239436_960_720duzione dell’incidenza di tumori è chiara perché lo sport potenzia il sistema immunitario, riduce il grasso corporeo e migliora le funzioni digestive
  5. Limitiamo il consumo di carne rossa (Eat little red meat!): la raccomandazione è di non superare i 500 grammi settimanali
  6. Beviamo meno alcol (Less alcohol!): l’eccesso di alcol è legato a un aumento del rischio di patologie tumorali, specie se associato al fumo di sigaretta
  7. Limitiamo il sale (Reduce salt!): riducendo il consumo di sale e di prodotti ricchi di sale è possibile prevenire il rischio di cancro allo stomaco
  8. Allattiamo al seno (Breastfeed!): questo protegge da infezioni durante l’infanzia e rinforza lo sviluppo del sistema immunitario del bambino

L’amico del Cuore …

GettyImages-98019054

Lo studio del dott. Duttaroy, pubblicato sulla rivista Platelets, già anticipava ciò di cui si parla sempre più frequentemente negli ultimi anni. Frutta e verdura sono i migliori alleati del cuore! L’elevatissimo numero di antiossidanti difende le cellule vascolari  tanto che per tutti noi consumare alimenti freschi della terra dovrebbe diventare una routine. 

Fruits and vegetables are good for the heart. He says scientific research of doctor Duttaroy, published in the journal Platelets. Antioxidants defend vascular cells. Therefore we must eat every day fruits and vegetables.

Fra  tutte le varietà di frutta e verdura il kiwi sembra avere in più la capacità di mantenere fluido il sangue riducendo l’aggregazione piastrinica, causa dell’arteriosclerosi.isolated-1188036_960_720

The kiwi, in particular, keeps the blood fluid and it reduces the platelets that cause arteriosclerosis.

Lo studio del dott. Duttaroy, di levatura internazionale, conferma che il campione di soggetti che hanno consumato tre kiwi al giorni ha visto spontaneamente ridursi l’attività piastrinica, rispetto al gruppo di controllo che non ha consumato il frutto verde. Inoltre sono stati evidenziati anche sensibili cali di trigliceridi nel sangue.

The study of Dr.Duttaroy report that consuming two or three kiwi fruit per day for 28 days reduced platelet aggregation.  In addition, consumption of kiwi fruit lowered blood triglycerides levels by 15% compared with control

Ecco perché il kiwi è l’amico del cuore.

Credit featured image

 

Il kiwi come cosmetico naturale

detail-1364581_960_720

Con l’arrivo della primavera siamo tutti più affaticati e anche la nostra bellezza ne risente. Quelle fastidiose occhiaie che circondano il nostro sguardo e ci rendono meno comunicativi, devono trovare un rimedio. Il trucco copre ma non risolve mentre noi di Gullino abbiamo trovato per i nostri lettori un rimedio naturale, economico e fresco: il kiwi.

In spring we are tired and we have eyes socket. Gullino has a solution for all readers. It’s a natural and economical remedy: his name is kiwi.

cosmetics-1367782_960_720Non è un’esagerazione sostenere che questo miracoloso frutto apporti mille benefici. Da oggi il kiwi è utilizzato anche per far scomparire o ridurre le occhiaie che sono il frutto di stress, ritmi stancanti, cattiva alimentazione o allergie.

Stress, allergies, tiring rhythms, poor diet create a eyes socket and kiwi is a solution.

Il kiwi è un ottimo alleato nella lotta contro le occhiaie perché ricco di vitamine e nutrienti. Riduce le infiammazioni, distende la pelle e si applica sugli occhi come faremmo con il più noto cetriolo. E’ sufficiente tagliarlo a fettine e lasciarlo adagiarsi sui nostri occhi …  per uno sguardo che non avrà eguali!

The kiwi is rich in vitamins and nutrients therefore he eliminates eyes socket. Apply to the eyes as a cucumber.

Ma non finisce quì. Il mondo della frutta è da sempre un alleato della bellezza. Al posto del kiwi possiamo usare anche mela verde, camomilla, menta e patata.

Also the potato, apple, chamomile and mint eliminate eyes socket because the fruit always helps.

Stitichezza a suon di kiwi!

tattoos-489062_960_720

E’ ormai noto ad ogni lettore del nostro blog quanto l’amato kiwi sia benefico per l’intero organismo.

We know that the kiwi is good for our body.

Abbiamo scritto più volte nella sezione “health” del blog in merito alle sue proprietà miorilassanti, antiossidanti e digestive. Molti scelgono il frutto verde per favorire anche altre funzioni, fra le più delicate di questi tempi, come la stitichezza.

In the health page on our blogkiwi-1402850_960_720 we wrote many times on the kiwi’s beneficial properties: muscle relaxant, antioxidant and digestive.

Disfunzione sempre più diffusa e annoverata fra i disturbi psicosomatici per eccellenza di questo secolo, la stipsi si può affrontare anche con un kiwi, frutto dall’eccezionale azione lassativa. Il potassio contenuto in questo frutto ha un effetto miorilassante che attenua lo stress fisico causato dalla stitichezza, mentre l’alto contenuto di pectina ne fa un ottimo probiotico naturale.

Constipation is also a psychosomatic disorder that you can solve with a kiwi. Kiwi has a laxative effect, it is a muscle relaxant and he helps to solve the physical stress. Also  he contains pectin which is a natural probiotic.

Se è davvero così, perché ricorrere ai farmaci?

So before using the medicines we try to eat a kiwi.

TTIP: una riflessione sul comparto agroalimentare

ttip_vilsack

Si sta parlando moltissimo di un accordo internazionale di grande rilevanza: il patto transatlantico, meglio detto TTIP. Questi consiste in un negoziato fra l’Unione Europea e gli
USA al fine di raggiungere un accordo per il commercio e gli investimenti, creando la maggiore zona di libero interscambio commerciale del pianeta, con circa 8 milioni di consumatori. Ciò vuol dire che se l’accordo andasse in porto, fra Europa e USA si potrebbe commercializzare senza le attuali barriere (tariffarie e non tariffarie).

Per meglio intenderci, è una questione che a noi di Gullino, come azienda dedita all’export, interessa moltissimairplane-465619_960_720o. Per alcuni sostanziali motivi. Il prodotto alimentare europeo attualmente è monitorato da un principio di precauzione. La nostra frutta, ad esempio, rispetta degli standard qualitativi che garantiscono la totale assenza di rischio per la salute di chi se ne ciba. Intendiamoci meglio: i nostri prodotti sono OGM free, biologici e quindi liberi da pesticidi, diserbanti e insetticidi dannosi. Fra i nostri produttori annoveriamo anche piccoli coltivatori che praticano agricoltura sostenibile. I prodotti nord americani possono garantirci la stessa qualità?  Come sarà possibile integrare le componenti chimiche consentite in Europa con quelle, di gran lunga più numerose, consentite negli USA?

E’ questa la domanda che ci stiamo ponendo, alla luce del fatto che in USA non vi è nessun principio di precauzione, pertanto gli agroalimenti pompati con residui chimici sono considerati sicuri fino a prova contraria; come dire “vediamo prima l’effetto che fa  e ritiriamo dal mercato ciò che non ha funzionato”. Eppure se l’accordo andasse in porto nella forma attuale potremo scambiare liberamente prodotti sui quali sono stati utilizzati, ad esempio, pesticidi dall’uso non consentito in Europa (si stima che siano 82 i tipi di pesticidi vietati dall’Unione Europea e consentiti negli USA).

Ci lasciamo con una domanda: c’è il rischio che il prodotto agroalimentare europeo si confonda nel mercato senza dazi in cui tutto, proprio sano, non è?

Credit featured image

1 2 3 4 5 7