Record sul Monviso per i gemelli Dematteis

landscape-1311122_1280

E’ stato un trionfo vero e proprio quello di Bernard e Martin Dematteis. Stamattina,dopo essere rimasti 4 giorni in quota presso il rifugio “Quintino Sella” a Rore, a Sampeyre i gemelli sono partiti per avventurarsi verso la cima del Monviso. Ad aspettarli lungo il percorso tifosi e sostenitori.

Fonte: @gemellidematteis

Fonte: @gemellidematteis

Il primo ad arrivare è stato Bernard che ha impiegato fino alla vetta 1 ora-40 minuti e 47 secondi, 8 minuti in meno del primato precedente. A seguirlo Martin. Un risultato straordinario che ci rende fieri e orgogliosi. Grazie Fratelli Dematteis per farci sognare ancora.

La vetta del Monviso

«Immagina posto verticalmente uno di quei pugnali triangolari con cui solevano talvolta sbudellarsi i nostri padri; supponi quindi che si giri una delle costole del medesimo infino a che venga a porsi nello stesso piano verticale contenente un’altra costola, ed avrai un’idea della forma del Monviso»

Quintino SellaUna salita al Monviso. Lettera a Bartolomeo Gastaldi

La vetta sorge su una dorsale principale orientata in direzione circa nord-sud.
Fonte: wikipedia

Fonte: wikipedia

Partendo dal monte Granero, la dorsale passa per il colle delle Traversette, le rocce Fourioun, punta Venezia, punta Udine, punta Roma, punta Gastaldi e il Visolotto, per poi salire omogeneamente fino alla vetta. Questa è costituita da due punte separate: punta Nizza, più settentrionale e più bassa, e punta Trieste, più meridionale, il punto di massima elevazione (3841 m).

I nomi delle due punte furono assegnati con riferimento alle due città principali agli estremi della catena alpina. Dalla vetta, la cresta principale scende verso sud, passando per la punta Sella e la punta Barracco fino al passo delle Sagnette; da qui procede ancora nella stessa direzione verso punta Michelis e il passo di San Chiaffredo, per poi proseguire verso il passo dei Duc e la cima delle Lobbie, dove si può dire che termini il gruppo. Dalla vetta dirama in direzione sud-sud-ovest una cresta secondaria, che passando per i torrioni SARI arriva al viso di Vallanta; da qui discende nella stessa direzione, con diverse punte successive (punta Corsica, punta Caprera, rocce di Viso) e con alcune punte su sottocreste secondarie (punta Fiume, triangolo della Caprera), fino a digradare nel vallone di Vallanta

La vetta del Monviso, essendo al di qua della linea di separazione delle acque, si trova interamente in territorio italiano (a 2 km dal confine francese), così come quasi tutto il resto del gruppo, mentre parte della cresta settentrionale del gruppo stesso, da Punta Gastaldi al Colle delle Traversette, sono sul confine con la Francia. Il gruppo è contornato dalle seguenti valli: valle Po, valle Varaita e, dal versante francese, valle del Guil.

Lascia una risposta