Tag Archivio: biologico

I supereroi Kiwito e Galita arrivano da AUT. Dove i libri sono indipendenti

sagome-di-un-albero-e-un-uomo-su-un-libro_1232-292

Ed anche oggi non abbiamo perso l’occasione per conoscere più da vicino una delle librerie torinesi che ha adottato il nostri libro “Le Avventure di Kiwito & Galita”. E’ la libreria AUT. Dove i libri sono indipendenti. Il suo fondatore, Davide Ravan, ha accolto al volo il nostro progetto per cui non ci resta che conoscerlo meglio ed entrare in una libreria dove le case editrici non sono dei colossi da best-seller ma realtà molto molto speciali.

Ciao Davide,
siamo a caccia di supereroi e sappiamo di poterli trovare nella tua libreria. Hai adottato il libro “Le Avventure di Kiwito e Galita” e chi lo fa ha sempre un buon motivo. Qual è il tuo?
Innanzitutto perché é un buon libro, curato e con illustrazioni molto belle.
Poi é un fumetto che affronta con la giusta “leggerezza” che si adatta ai bambini, un argomento quanto mai attuale e al quale tutti noi, anche e soprattutto gli adulti, dovremmo porre maggiore attenzione. E infine perché parte del ricavato va alla Lilt, e 25542464_1583198401773116_4704081258897459235_oquindi é giusto diffondere questo volume il più possibile!

La tua è una libreria molto singolare. Si possono trovare libri inerenti tematiche sociopolitiche, culturali, economiche ma anche una piccola collezione per bambini, fatta di libri e giochi educativi. Come inserisci i più piccoli lettori nel tuo contesto?

La mia é una libreria che a prima vista sembra non centrare nulla col “mondo dei bambini”. Come AUT abbiamo un occhio di riguardo per le tematiche sociali e politiche, il nostro obiettivo é diffondere il piú possibile una cultura non-convenzionale per creare “cervelli critici” pronti ad affrontare ogni tipo di discorso che verte sulla società attuale e sul mondo che ci circonda.
Ma non si puo’ prescindere dai bambini: saranno loro i lettori e gli uomini di domani e quindi abbiamo anche una piccola selezione di titoli che si adattano ai ragazzi di tutte le età, dai 3 ai 10 anni.

Secondo te c’è qualche strategia vincente per avvicinare i bambini alla lettura?

Credo che il modo migliore, nella lettura come in ogni altro ambito, sia far sentire i bambini coinvolti. Cercare di fargli capire che si deve leggere per il proprio bene e per capire quello che ci accade intorno e non perché obbligati … ma é pura utopia cercare di spiegar loro che mai un tablet ti potrà far fantasticare quanto un buon vecchio libro.

Il nostro progetto ha lo scopo di salvaguardare i prodotti frutticoli del territorio, quello di Saluzzo nello specifico, e al contempo vuole sensibilizzare genitori e bambini al consumo di frutta e verdura, per prevenire diverse malattie. Secondo te sono tematiche abbastanza calde per i lettori?

Beh, assolutamente si. Il problema del cibo-spazzatura (e quello ancora piú grave dello spreco alimentare) sono tematiche molto attuali e sulle quali ci sarà da combattere ancora a lungo per modificare una mentalità contaminata da 40 anni di (finto) benessere che ci hanno fatto perdere la cognizione sul discorso del cibo.
25550440_1583198241773132_6221177532595698880_nSenza isterismi e senza posizioni estremistiche bisogna far tornare il buon cibo salutare al centro del discorso alimentare. Non ci sono alternative.

“Nel paese della bugia la verità è una malattia” scriveva Gianni Rodari. Credi che possa riguardare anche tutte le verità sul mondo dell’alimentazione che ci ostiniamo a non voler ascoltare?
Assolutamente sì, ma piú che di bugie parlerei di poca informazione (soprattutto per i piú piccoli) sul “mangiare sano”. Un bambino é normale che preferisca un hamburger del fast food ad un piatto di insalata, la battaglia sta nel fargli arrivare il concetto che se vuole ogni tanto mangiare al fast food deve controllare la propria alimentazione integrandola con cibo sano e di qualità.

Infine il domandone. Fra Kiwito e Galita, qual è il tuo supereroe preferito?
Ammetto di avere un debole per Galita.
É più forte di me

Grazie Davide. Continua ad animare via Barbaroux 8 a Torino con le tue proposte.
Noi cercheremo di mandare da te tantissimi bambini affamati di … supereroi al sapore di kiwi e mela.

Mela ripiena alle noci

impostazione-della-tavola-di-natale_1320-782

Alla fine dei pasti natalizi, si sa, tutti gradiscono della frutta secca. Per questo abbiamo pensato di proporvi una soluzione creativa e pratica per servirla a tavola o mangiucchiarla sul divano.

Provate a svuotare una mela con l’aiuto di un cucchiaino o di un attrezzo da gelato e, al suo interno, adagiate delle noci sgusciate.

I vostri ospiti si rifaranno gli occhi e il palato!

Buone feste dalla famiglia Gullino.

 

Ingredienti

Difficoltà semplicissima
Tempo di preparazione 1/2 ora
Ingredienti per 6 persone
 

3 mele Gullino

30 noci

 

Mele natalizie al forno

primo-piano-della-mela-cotta_1220-31

Oggi per voi una ricetta che arricchirà la tavola natalizia.

Dopo il classico panettone provate a servire una mela al forno … magari caramellata!

Noi vi sveliamo la ricetta ma più che una ricetta è un consiglio per le feste!

 

Ingredienti

Difficoltà semplicissima
Tempo di preparazione 1/2 ora
Ingredienti per 6 persone
 

6 mele Gullino

70 grammi di zucchero di canna

1 cucchiaino di succo di limone

zucchero a velo

Procedimento

Lavate bene le mele, asciugatele e privatele del torsolo senza romperle. Prendete una teglia rettangolare ricoperta con carta forno e disponete le mele, versando sopra a ognuna qualche goccia di limone.

In una pentola con bordi leggermente alti mettete lo zucchero di canna con un po’ d’acqua. Fatelo sciogliere e versatelo sopra le mele, quindi cuocete in forno a 180 °C per 20 minuti circa, finché lo sciroppo non sarà caramellato.

Appena sfornate se volete potrete spolverarle con dello zucchero a velo.

Lasciatele raffreddare o intiepidire e … buone feste natalizie da tutta la famiglia Gullino!

mele-al-forno-per-dessert_1220-35 piatto-con-una-mela-cotta-con-caramello_1220-33 primo-piano-della-mela-cotta_1220-31

 

Via libera del Senato al testo unico sull’agricoltura biologica

gullino biologico

E’ l’ennesimo passo avanti per il biologico made in Italy quello che da il via al testo unico sull’agricoltura biologica.

In Italy comes the unique text on organic farming.

Il testo, infatti, contiene elementi indispensabili per il raggiungimento di una stabilità nel settore bio e prevede un fondo stabile da stanziare in ricerca, il sostegno alle associazioni fra imprese in filiere e distretti e molti interventi volti a formare gli operatori di questo mercato che, chissà, fra qualche anno potrebbero indurre a stilare un testo ancora più evoluto. gullino biologicoPerché tutto, nei prossimi anni, potrebbe giocarsi tra formazione e ricerca.

The text includes research, training of operators and business union to create districts and chains. 

Attraverso le politiche agricole di sostegno al biologico è, infatti, possibile incentivare l’adozione di buone prassi ambientali, fondamentali per lo sviluppo rurale, e servizi ecosistemici per il vantaggio di tutti.

Through organic farming policies, it is possible to stimulate the adoption of good environmental practices, fundamental to rural development, and ecosystem services for the benefit of all.

In attesa dei prossimi sviluppi, possiamo dire a voce alta che l’Italia è sempre più bio!

Italy is increasingly bio!

La mela #Gullino arriva nel tuo supermercato di fiducia

22687825_10214657433694073_2692716337430694531_n

E’ arrivata l’ora di lasciar andare la nostra mela cuneese, portarla fuori dai nostri magazzini e farla arrivare direttamente sulle vostre tavole.

22789019_10214657433214061_6231170480694623792_nDal mese di ottobre 2017 la mela Galita che porta il nostro marchio #MelaQui è acquistabile nei banchi del fresco dei Big Store del Gruppo Dimar e nei supermercati Mercatò e Mercatò Local di Torino e Cuneo.

Gullino’s apple comes to the supermarket. From October 2017, you can find it at the Dimar Group’s outlets and in Mercatò and Mercatò Local supermarkets.

Potrai acquistare Galita nei seguenti punti vendita (ricerca manuale)

This is where you will find the Gullino apple

TORINO

- Mercatò, corso Unione Sovieta 493 Torino

- Mercatò Local, via Violi31/H Torino

- Mercatò, via Gaidano 125/A Torino

- Mercatò, via Carso 10 Torino

- Mercatò, via Botticelli 114 Torino

- Mercatò Local, corso grosseto 303/A Torino

CUNEO

- Mercatò Local, via San Giovanni Bosco 5/B Cuneo

- Mercatò Local, via Bassano 15 Cuneo

Prova a morderla e non te ne pentirai!

Monoporzioni alla mela

Oggi ti proponiamo un dolcino ottimo per la merenda di grandi e piccini: le monoporzioni di mela in mini ciambella.

Ottime, gustose e dalle mille proprietà. Segui la ricetta!

Ingredienti

Difficoltà media
Tempo di preparazione 1 ora
Ingredienti per 6 persone
 

2 mele Gullino

3 uova

80 grammi di burro

15. grammi di lievito vanigliato

190 grammi di zucchero

cannella in polvere

100 grammi di latte

260 grammi di farina 00

succo di limone

pastry-1017706_960_720Procedimento

Sbuccia le mele. Ricava da una delle due delle fettine sottili e taglia l’altra a dadini piccoli. Disponile in una ciotola e cospargile con il succo di limone e 3 cucchiai di zucchero.

Riunisci in una terrina le uova intere e sbattile con una frusta assieme al resto dello zucchero. Incorpora il latte e il burro fuso, poi la farina setacciata con il lievito.

Imburra dei piccoli stampini da dolcetti ma prima ricopri il fondo con le fettine di mela sgocciolate.

Scola i dadini di mela dal liquido fuoriuscito in macerazione e uniscile all’impasto. Amalgama e distribuisci il composto negli stampini e, a coprire, disponi le fettine di mela.

Inforna le ciambelline a 180 °C per 40 minuti circa in forno statico.

A fine cottura mescola 3 cucchiai di zucchero a velo con la punta di un cucchiaino di cannella in polvere e decora con questo la superficie della ciambella, decorata con le mele (se vuoi anche caramellate)

Buona merenda

 

Spazzolino? Scegli la mela

elementare-casa-d-39-infanzia-femminile-dentale_1301-3162

Mai più noie con i denti se … mangi la mela! E’ proprio vero il vecchio detto “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. In questo caso chi non vedremo per molto tempo sarà il dentista!

If you eat the apple forget the dentist! The apple does very well. 

Masticare le mele, specie se si tratta delle varietà più croccanti, come ad esempio quelle verdi, vuol dire sviluppare un’azione meccanica simile a quella dello spazzolino, close-up-di-donna-concentrata-spazzolando-i-denti_1262-6010contrastando la formazione della placca. Per questo, specialmente in assenza di altri modi di pulirsi i denti, è una buona idea mangiarle a fine pasto.

If you chew the crunchy apple it’s like brushing your teeth. The apple, in fact, fights the formation of the plaque.

Le mele inoltre contengono ferro e fluoro, ottimi per la salute dei denti. L’acido mallico ha proprietà antisettiche e disinfettanti, utili sia per le gengive che per lo smalto.

Apples also contain iron and fluorine, excellent for teeth health. Malic acid has antiseptic and disinfectant properties, useful for both the gums and the enamel.

Ma attenzione a non abusarne! L’acido malico, infatti, essendo un acido potrebbe rovinarne lo smalto e il vostro sorriso.

But be careful not to abuse it! Malic acid can ruin the tooth enamel

E allora sorridi! C’è la mela di Gullino!

You smile! There is the Gullino apple!

Arrivano i flavonoidi. Supereroi della mela

bella-giovane-donna-che-mangia-una-mela-in-un-campo_1301-7388 (1)

Rispetto alla mela se ne dicono di tutti i colori ma questa volta la notizia è davvero sensazionale. Lo dicono medici, nutrizionisti, dentisti: la mela fa bene perché ricca di flavonoidi. 

Apples superheroes arrive: the flavonoids!

Di flavonoidi in natura ce ne sono più di 4mila tipi e sono proprio questi supereroi a conferire a frutta e verdura i colori più ricchi e brillanti. La mela, infatti, li ringrazia per il suo colore rosso rubino.

In nature there are more than 4000 flavonoids and they give color to fruit and ritratto-di-una-donna-attraente-mangiare-una-mela_1163-2008vegetables. The apple thank you for the ruby red.

Sono preziosi alleati per frenare i processi degenerativi e di invecchiamento grazie alle proprietà antiossidanti che contrastano i radicali liberi. E’ stato, inoltre, ampiamente dimostrato che riducono il rischio di malattie cardiache e combattono l’insufficienza venosa e la fragilità capillare, problematiche tipiche di chi soffre di emorroidi.

E tu? Quanti flavonoidi alleati hai scelto di avere?

Flavonoids are anti-aging heroes because with antioxidant properties contrast free radicals. If you eat so many bad you have so many flavonoids!

Come rimuovere le macchie di kiwi dai vestiti

tu-personalidad-segun-tu-forma-de-lavar-la-ropa-1

Con la frutta, si sa, non ci si abbuffa soltanto ma ci si macchia. Capita spesso ai bambini alle prese con una scorpacciata di kiwi e non si tratta affatto di macchie semplici da rimuovere. Ecco alcuni consigli per eliminare lo sporco ed avere vestiti come nuovi!

With fruit we spot. They are not simple spots to remove. Here are some tips to bring your clothes back as new.

Sapone di Marsiglia: strofinarlo a fondo sulla macchia prima di un passaggio in lavatrice è il modo più immediato per sconfiggere la macchia. Rub marshal soap on stain

Acqua bollente: fate mano-lavare-i-vestiti-con-bolla-sul-bacino-bianco_2313-706bollire dell’acqua e versatela tutta sulla macchia; in questo modo i residui di kiwi si staccheranno dalle fibre del tessuto in poco tempo e potete procedere con il consueto lavaggio. Throw boiling water on the stain

Ghiaccio: da utilizzare solo su macchie ancora fresche; vi basterà strofinarlo e poi risciacquare. Rub the ice on the stain.

Sale e succo di limone: quando la macchia di kiwi è ormai secca potete spargere del sale, spruzzare del succo di limone e poi sfregare forte. Rub salt and lemon juice on the stain.

Ed ora tocca a voi … provate a non sporcarvi ;)

And now it’s up to you. Be careful not to get dirty!

Credit photo

1 2 3 6