Tag Archivio: cuneo

Mangiate kiwi italiani! Lo dice il Ministero delle Politiche Agricole

kiwi taliani

Il kiwi italiano spopola nuovamente, da qualche giorno, sul web è sulle tavole. Sano, ricco di vitamine e gustoso, è al centro di una nuova campagna di comunicazione dell’Organizzazione Interprofessionale Ortofrutticola Italiana che intende spingerne il consumo con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole.

I kiwi nazionali entrano per la prima volta nel progetto annuale di promozione di Ortofrutta Italia, un’azione di comunicazione istituzionale a sostegno del consumo di prodotti Kiwi_promo-724x1024ortofrutticoli italiani.

L’iniziativa si diffonderà a macchia d’olio in tutto il territorio nazionale, in alcune migliaia di punti vendita della GDO e del dettaglio specializzato.

I punti vendita esporranno locandine, poster e altro materiale similare che con lo stesso layout richiameranno l’attenzione del consumatore alla stagionalità, alla territorialità e alla qualità, evidenziando soprattutto gli aspetti “salutari” del kiwi: l’altissimo contenuto di vitamina C, di antiossidanti, di potassio e di fibre.

A questo proposito il comitato organizzativo ha redatto anche un vademecum per una corretta gestione di questo frutto lungo tutta la filiera logistica, dalla raccolta, alla frigoconservazione, fino al punto vendita, proprio per valorizzare al massimo gli sforzi dei produttori italiani come noi di Gullino.

I consumi di kiwi, infatti, devono essere incentivati proprio in un momento in cui – come rivelano purtroppo anche recenti indagini di mercato – in troppi casi le persone rinunciano alla corretta razione quotidiana di frutta e verdura di stagione, e, nel caso dei kiwi, ad una protezione naturale ed efficace nel periodo più freddo dell’anno.

 

Rosse, succose ed ecosostenibili. Sono le mele Gullino

MELAQUI

Non solo kiwi, ma anche mele: rosse, dolci, basse di acidità, resistenti naturalmente alla ticchiolatura e quindi ecosostenibili. E’ ciò in cui credono fortemente Giovanni e Carola Gullino, ideatori della linea “Mela Qui”

The Gullino apples are red, sweet, low in acidity, naturally resistant to scab and eco-friendly. Carola and Giovanni Gullino believe a lot in this project.

Il nome indica che Gullino è proprio qui, in Italia, con una precisa identità territoriale.

The project is called “Mela Qui” to indicate that the apples are grown near the farm, in Piedmont.

All’interno del nuovo marchio Mela Qui rientrano diverse varietà resistenti alla ticchiolatura, tutte con elevato grado brix e bassa acidità:

Giovanni Gullino al MacFrut 2018 di Rimini

Crispina (Crimson Crisp®), Rossana (Inored Story®), Dolcina(Fujon), Mandy (Mandy® Inolov), Dalila (Dalinette).

The “Mela Qui” brand includes different varieties of apples, all resistant to scab, with high brix and low acidity: Crispina (Crimson Crisp®), Rossana (Inored Story®), Dolcina(Fujon), Mandy (Mandy® Inolov), Dalila (Dalinette). 

Sono tutte mele libere, non club, e l’impegno di Giovanni e Carola Gullino è quello di difendere il prezzo con opportune politiche commerciali, per dare un reddito adeguato a chi le produce e le lavora ed un sollievo alle vostre tavole.

Giovanni and Carola Gullino try to defend the price of these apples, with excellent commercial policies.

Le mele rosse Gullino sono coltivate su terreni della provincia di Cuneo e Torino, tra i 300 e i 700 metri di altitudine ma per il prossimo anno non mancheranno alcune importanti sperimentazioni per provare a coltivare la mela in pianura, nel canavese.

The Gullino red apples are grown on land in the province of Cuneo and Turin, between 300 and 700 meters above sea level but in the future there will be some news.

Continuate a seguirci sul nostro blog.

Keep following us.

Gullino alla Scuola Elementare Falicetto di Verzuolo

COPERTINA 29 novembre

Non poteva mancare una nuova tappa dei nostri supereroi Kiwito e Galita, ospiti in questo mese di novembre presso la scuola Falicetto di Verzuolo il giorno 29 alle ore 11.00

Ebbene si, ancora una volta i due protagonisti de “Le Avventure di Kiwito e Galita” se la spassano ai piedi del Monviso, conoscendo bambini, ragazzi e le loro insegnanti.

Lo scopo è chiaro: sconfiggere alcuni arcinemici della salute di grandi e piccini grazie alla frutta!

L’obiettivo che si prefigge Gullino, infatti, è quello di diffondere il più possibile la conoscenza del libro per sensibilizzare tutti al maggiore consumo di frutta e verdura. Questi due alimenti “magici” sono spesso detestati da piccini ma possono essere inseriti nella loro alimentazione grazie all’ausilio di un libro di storie, con due protagonisti di rilievo come Kiwito e Galita. COPERTINA 29 novembre

L’evento ospitato dalla scuola Falicetto è riservato ai bambini iscritti e vedrà la presenza dell’autore Gianluca Orrù per autografare le copie e leggere le storie. Carola Gullino, madrina dell’evento, porterà ai bambini la merenda a base di mele a chilometro zero.

Tutti i genitori potranno acquistare una copia del libro Le Avventure di Kiwito e Galita presso la scuola. Tutto il ricavato della vendita sarà devoluto da Gullino in beneficenza alla LILT di Saluzzo, partecipando alla lotta contro i tumori.

E per i vostri regalini di Natale… fateci un pensierino! Donerete amore 2 volte!

Il libro è in vendita anche ONLINE sul sito >>> Giovani Genitori

Insalata con lattughino, kiwi e menta

Insalata-di-lattuga-e-kiwi-alla-menta

Chi l’ha detto che le insalata fresche facciano bene solo d’estate?

Oggi vi proponiamo la preparazione di un pranzo leggere, fresco e veloce che si adatta a tutte le stagioni. Buon appetito e sempre in forma con le ricette di Gullino!

Ingredienti

Difficoltà facilissima
Tempo di preparazione 15 minuti
Ingredienti per 3 persone
 

350 grammi di kiwi verdi Gullino

200 grammi di lattuga o lattughino

60 grammi di olio evo

menta fresca q.b.

sale e pepe q.b.

Procedimento

Insalata-di-lattuga-e-kiwi-alla-mentaTagliate le foglie di menta e mettetele nell’olio con una macinata di pepe e un pizzico di sale.

Tagliuzzate la lattuga e tagliate a spicchi i kiwi Gullino. Mescolate lattuga e kiwi, conditeli con l’olio alla menta completando l’insalata con foglie di menta come decorazione.

Questo pranzetto è adatto ad essere trasportato in ufficio!

Veloce, fresco, naturale e salutare.

 

Kiwito, Galita e le storie di paura per Halloween :)

copertina halloween

In occasione di Halloween abbiamo deciso di “regalarvi” una storia, tratta dal libro “Le Avventure di Kiwito e Galita”.

Si tratta di una storia in cui compare il fantasma dell’insonnia, prontamente sconfitto dai superpoteri del nostro kiwi e della nostra mela Gullino.

Cosa aspettate a leggerla nella notte più tenebrosa dell’anno?

Non dimenticare che per scoprire altre divertenti storie come questa puoi acquistare il libro “Le Avventure di Kiwito e Galita” anche online >>>> cliccando qui .

———-

4.1“Di notte un bambino non riesce a dormire. Come mai? Di solito gli basta chiudere gli occhi!

Sente dei rumori. La cosa gli fa paura. Forse è un fantasma? 

A volte non si riesce a dormire. Capita a tutti. Ma forse non è un problema di paura dell’uomo nero.

Il bambino si alza determinato a scoprire se i rumori sono un vero pericolo. Accende una torcia e illumina un lenzuolo fantasmoso.

Chi sei? Chiede il bambino!

Il lenzuolo non risponde, perché è solo un lenzuolo, ma il problema resta e si chiama insonnia. 

4.2Il bambino scappa verso il frigo e lo apre.

Dentro ci sono Kiwito e Galita. ‘Aiutatemi!’ chiede loro. E’ proprio un lavoro per i nostri eroi.

Infatti i kiwi e le mele sono pieni di proteine e vitamine, sostanze che aiutano a combattere l’insonnia. 

Con i loro attacchi Kiwito e Galita fanno scomparire il fantasma dell’insonnia.

Forse un bel morso prima di andare a dormire è una buona abitudine per dormire bene.”

 

Storia scritta da Gianluca Orrù ed illustrata da Fijodor Benzo

www.gullino.it

Un Natale più buono con Le Avventure di Kiwito e Galita

natale-kiwito-e-galita

Regala un libro: fa bene, apre la mente e aiuta chi è meno fortunato.

Natale è famiglia, amici, stare insieme sotto lo stesso tetto e scambiarsi doni come gesto d’affetto. Chi lo attende di più sono sicuramente i le-avventure-di-kiwito-e-galita-full-600x600bambini, attratti dai tanti regali che riceveranno. E se quest’anno il regalo per tuo figlio, il tuo nipotino o il figlio della tua amica facesse doppiamente bene? Rendere felici i bambini e allo stesso tempo fare beneficenza è possibile grazie al progetto “Un Natale più buono con Le Avventure di Kiwito e Galita”. Acquistando un libro non solo avvicini un bimbo al mondo della lettura ma aiuti un’associazione che si occupa di prevenzione e cura dei malati di tumore.

“Le avventure di Kiwito e Galita” è una raccolta di sei racconti –  scritti da Gianluca Orrù e illustrati da Fijodor Benzo per Gullino Group – che vuole avvicinare i bambini al mangiar sano ma con un linguaggio divertente e semplice. I due supereroi, Kiwito e Galita, grazie ai loro super poteri sconfiggono malanni come il raffreddore , il mal di testa e malattie più serie come il colesterolo, le carie, l’insonnia e l’invecchiamento della pelle. Il bambino leggendo “Le avventure di Kiwito e Galita” impara che frutti come la mela e il kiwi sono preziosi alleati nella vita di tutti i giorni. Il ricavato della vendita di ogni singolo libro è devoluto alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Saluzzo.

natale-kiwito-e-galitaDopo aver portato in giro per il Piemonte i nostri due supereroi, a Natale abbiamo pensato di portarli nelle aziende. Con il patrocinio delle aziende i figli e le famiglie dei lavoratori conosceranno Kiwito e Galita. Il progetto consiste in un pomeriggio dedicato ad attività ludico-educative attraverso le quali i bambini scopriranno i poteri nutritivi della mela e del kiwi e faranno una gustosa merenda a base di frutta fresca offerta dalla Gullino.

Ecco la proposta per scuole e aziende.

  1. Acquisto min di 30 copie di Kiwito e Galita
  2. In regalo un fruits box con kiwi e mela per ogni libro acquistato
  3. Organizzazione pomeriggio con famiglie e bambini
  4. 2 animatrici
  5. Autore del libro/artista per firmare le copie
  6. Organizzazione laboratori
  7. Materiale laboratori
  8. Merende a base di frutta

Costo: 15 euro a libro che andrà interamente in beneficenza alla LILT di Saluzzo. Tutti i costi accessori sono a carico della Gullino per la promozione dell’iniziativa.

E se vuoi acquistarne anche solo 1 copia segui questo link ed ordinala subito!

A #Natale fai felice un bambino e combatti per la lotta ai tumori.

Botte e risposte sul kiwi

kiwi

Il kiwi è il frutto per eccellenza della stagione autunnale ed invernale.

Noi ve ne abbiamo parlato in diversi articoli di questo blog ma ogni tanto un ripassino non fa mai male. Ecco alcune domande e risposte utili per conoscere questo frutto verde, bellissimo da guardare e gustosissimo.

Quante e quali varietà di kiwi esistono?

Sono 5. Abbot, Bruno, Hayward, Soreli, JinTao

Quando si trova al supermercato e in cucina?

Il kiwi viene raccolto a fine ottobre, prima delle gelate, e matura nelle cassette fra dicembre e gennaio.

Com’è la pianta?

È un rampicante, che cresce appoggiandosi a supporti di vario genere e può raggiungere oltre 4 metri di altezza. Le foglie sono arrotondate, con un lungo picciolo.

Dove cresce?

kiwiIl Kiwi è una pianta originaria della Cina, ma è l’Italia il maggior produttore. È coltivato soprattutto nelle regioni Lazio, Emilia, Veneto, Campania; cresce all’aperto e ama un clima mite e temperato, come quello in prossimità dei laghi di Garda e di Bolsena.

Com’è il frutto?

Esotico nel nome e nell’aspetto, il kiwi è una bacca ovale, con la buccia sottile e ricoperta da una fitta peluria con polpa di colore verde o giallo.

Che gusto ha?

La sua polpa, con centinaia di semini neri al centro, ha un sapore dolce-acidulo. Fa la parte del leone in macedonie e torte di frutta dove spicca per il suo verde o giallo brillante.

Quali sono le sue proprietà nutritive?

Il kiwi contiene molto potassio e fibra, ma è un vero campione della vitamina C: è sufficiente consumarne uno al giorno per avere tutta quella di cui abbiamo bisogno. E ha poche calorie, possiamo mangiarne a volontà!

Curiosità

Il kiwi prende il nome di un buffo uccello incapace di volare e fu chiamato così dai Maori, gli abitanti della Nuova Zelanda. Ed è proprio in questo paese dall’altra parte del mondo che sono nate le prime coltivazioni intensive di questo frutto.

Per saperne ancora di più

Yang-ta, questo il nome originale del kiwi, era considerato una prelibatezza già alla corte del Gran Khan. Ricordiamoci però che è un frutto che viene venduto acerbo, dunque per gustarlo al suo meglio va lasciato prima maturare per qualche giorno.

Frutta e verdura nelle scuole. Impariamo la lezione

mel

Oggi vi raccontiamo un’esperienza virtuosa, 100% europea.

Poiché siamo sensibili all’argomento legato al consumo di frutta nelle scuole e fra i bambini in generale, vi invitiamo a dare un’occhiata al programma che segue. Giochi, ricette, lampconsigli e modalità di partecipazione per le scuole sono ciò che troverete se continuerete la lettura.

“Frutta e verdura nelle scuole” è un programma promosso dall’Unione Europea, coordinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e forestali e svolto in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero della Salute, Agea, le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano.

Il programma è rivolto ai bambini che frequentano la scuola primaria (6-11 anni) e ha lo scopo di incrementare il consumo dei prodotti ortofrutticoli e di accrescere la consapevolezza dei benefici di una sana alimentazione.

A questo scopo, l’obiettivo del programma è quello di:

  • divulgare il valore ed il significato della stagionalità dei prodotti;
  • promuovere il coinvolgimento delle famiglie affinché il processo di educazione alimentare avviato a scuola continui anche in ambito familiare;
  • diffondere l’importanza della qualità certificata: prodotti a denominazione di origine (DOP, IGP), di produzione biologica;
  • sensibilizzare gli alunni al rispetto dell’ambiente, approfondendo le tematiche legate alla riduzione degli sprechi dei prodotti alimentari.

Il programma prevede la realizzazione di specifiche giornate a tema, quali visite a fattorie cardidattiche, corsi di degustazione, attivazione di laboratori sensoriali, al fine di incoraggiare i bambini al consumo di frutta e verdura e sostenerli nella conquista di abitudini alimentari sane.

Il Programma è destinato alle scuole ed individua negli alunni delle scuole primarie di età compresa tra i 6 e gli 11 anni i destinatari che vi partecipano a titolo completamente gratuito.

L’obiettivo è quello di incoraggiare i bambini al consumo di frutta e verdura e sostenerli nella conquista di abitudini alimentari sane, diffondendo messaggi educativi sulla generazione di sprechi alimentari e sulla loro prevenzione.

A tal fine vengono realizzate specifiche iniziative di formazione degli insegnanti su temi di educazione alimentare, ed iniziative di natura ludico-didattica finalizzate a facilitare il consumo e la degustazione dei prodotti distribuiti.

I bambini vengono coinvolti realizzando specifiche giornate a tema (Frutta Day) e giornate dedicate, durante le quali sono distribuiti contemporaneamente molti tipi di prodotto, da consumare nei diversi modi possibili, o effettuando visite a fattorie didattiche e ad aziende melagricole: tutto ciò al fine di favorire la conoscenza dei processi produttivi degli alimenti.

Il Programma ha avuto, negli anni, una media di circa 1 milione di alunni coinvolti e dall’attivazione del Programma ad oggi i risultati evidenziano una crescente propensione al consumo dei prodotti ortofrutticoli da parte delle famiglie e dei bambini.

Sei una scuola? Partecipa al programma cliccando qui e ci ringrazierai per il consiglio.

Frittelle alle mele Gullino

frittelle-di-mele

Oggi vi presentiamo una ricetta semplice semplice ma di cui non abusare! E’ una ricetta fritta che non fa affatto male se consumata solo di rado … per le scorpacciate quotidiane di mela, invece, consigliamo tutte le altre ricette di casa Gullino che potrete trovare su questo blog.

Cominciamo con gli ingredienti

 

Ingredienti

Difficoltà facile
Tempo di preparazione 1 ora e 1/2
Ingredienti per 5 persone
 

5 mele grosse di casa Gullino

240 ml di latte

1 uovo

145 gr. di zucchero

120 gr. di farina

1/2 cucchiaino di lievito in polvere

cannella q.b.

Procedimento

Iniziate lavando accuratamente le mele e poi tagliandole in fette di grosso spessore, aiutandovi con un bicchiere per dare la forma rotonda.

Procedete in questo modo per tutte le fette, ottenendo così da ciascuna fetta un anello.

In una ciotola unite l’uovo al latte e, in un’altra, mescolate la farina con 30 g di zucchero, una dose di cannella (ad occhio circa 2 grammi), un pizzico di sale e il lievito in polvere. Aggiungete al composto il latte con l’uovo preparato in precedenza e mescolate bene.

Immergete in questo pastella ciascun anello di mela mentre, in una padella piena per metà di olio bollente, friggete ciascun anello di mela e poi disponetelo su un piatto,asciugando bene l’olio in eccesso.

In una ciotola realizzate un composto mescolando lo zucchero e la cannella. Immergete ciascun anello fritto in questo mix.

Ed ora buona merenda o buona colazione. Le ciambelline sono adatte per entrambi i momenti della giornata

Porridge e kiwi per una colazione da campioni

colazione-gustosa-sana-mattina-a-base-di-latte-e-porridge-con-noci-kiwi-e-miele_8353-5466

Oggi introduciamo un alimento di cui non vi abbiamo mai parlato: il porridge.

Traducibile in italiano con “pappa d’avena”, il porridge è un alimento base nella cucina africana, russa e statunitense. E’ ideale per una prima colazione salutare, leggera e ricca di principi attivi nutritivi. Ecco gli ingredienti:

Ingredienti

Difficoltà facile
Tempo di preparazione 30 minuti
Ingredienti per 2 persone
 

100 grammi di fiocchi d’avena

3 cucchiai di semi di chia

100 grammi di yogurt magro

1 kiwi Gullino

1 cucchiaino di miele

latte q.b.

Procedimento

colazione-gustosa-sana-mattina-a-base-di-latte-e-porridge-con-noci-kiwi-e-miele_8353-5466Per preparare il porridge con kiwi iniziate prendendo un vasetto di vetro abbastanza capiente; mettete nel vasetto i fiocchi d’avena insieme ai semi di chia e coprite il tutto con il latte. Mescolate, chiudete con il coperchio il barattolo e mettete in frigorifero per un’ora. Dopo un’oretta mescolate il tutto per poi lasciar riposare per una notte intera in frigorifero.

La mattina successiva prendete il kiwi, tagliatelo a tocchetti e mettetelo un attimo da parte. Prendete lo yogurt e aggiungeteci un cucchiaino di miele, mescolate il tutto colazione-gustosa-sana-mattina-a-base-di-latte-e-porridge-con-noci-kiwi-e-miele_8353-6125fino a quando il miele non si sarà ben sciolto dentro lo yogurt.

A questo punto tirate fuori dal frigo il barattolo con l’avena e i semi di chia (che durante la notte avranno assorbito tutto il latte e saranno diventati morbidi), versateci lo yogurt e sopra lo yogurt mettete il kiwi, ottenendo così 3 strati: il primo in basso con l’avena e i semi di chia ammorbiditi nel latte, il secondo centrale con lo yogurt e l’ultimo strato in alto con il kiwi.

A piacere condite con fettine di banana e chicchi d’uva.

Non resta che iniziare la vostra colazione a base del gusto del kiwi biologico Gullino.

1 2 3 11