Tag Archivio: gullino

Frozen Drink con Vodka, Kiwi e Mirtillo

8

Con l’arrivo dell’estate crescono le occasioni di socializzazione fra amici. Non c’è niente di meglio di un frozen drink a base di kiwi. Fresco, nutriente e molto … social.

Ecco come procedere nella preparazione:

1

Difficoltà media
Tempo di preparazione 00:20′
Ingredienti per 4 amici
  Kiwi Gullino: 4Mirtilli neri: 50 grammi

Zucchero di canna: q.b.

Succo di mela verde: q.b.

Vodka: q.b.

Tagliate i kiwi gullino in pezzi e dividete in due parti i mirtilli neri

2

3

 

inserite i kiwi ed i mirtilli nel mixer (ricordate che è necessaria la funzione trita ghiaccio) ed aggiungete il succo di mela verde

4

 

a questo punto aggiungete ghiaccio e zucchero di canna

6

 

 

non resta che dare spazio e libero sfogo alla vodka. Noi abbiamo iniziato con un aggiunta di 40 ml ma per fare in modo che tutto il corteo di ingredienti sia ben equilibrato non resta che assaggiare

5

 

A questo punto il vostro frozen drink è pronto, da bere rigorosamente in compagnia.

Buona, fresca e dolce estate dallo staff di Gullino.

8

 

 

 

 

 

Dimagrire con il Kiwi: Estate baciami!

girl-923573_960_720

L’estate è alle porte e tutti abbiamo qualche chiletto di troppo da smaltire. Conviene affrettarsi prima di un tuffo in mare.

Forse non sapevate che fra gli alimenti più indicati per una dieta sana ed equilibrata c’è proprio il kiwi. Questo frutto buonissimo e ricco di vitamina C e antiossidanti, è perfetto per il nosbelly-2473_960_720tro benessere. Composto da circa l’83% d’acqua, l’1,14 % di proteine, dallo 0,50 % di grassi, dal 9 % di zuccheri, 3 % di fibre e dallo 0,61 % di ceneri, conquista solo a parlarne il podio degli alimenti ipocalorici.

Di seguito vi proponiamo alcuni consigli su come mangiare il kiwi a colazione, pranzo, cena e merenda. Il leitmotiv di questo regime alimentare è basato sul consumo di kiwi abbinato ad una tisana diuretica. Il segreto? E’ quasi tutto qui!

Ecco le nostre proposte.

Colazione

tè, spremuta e/o caffè d’orzo, 2 fettine di pane d’orzo/integrale, 3 kiwi e 2 cucchiaini di marmellata (rigorosamente senza zuccheri!)

Pranzo

tutti i giorni un frullato di 2 kiwi accompagnato da una tisana diuretica e da una delle seguenti combinazioni a scelta:

- 100 grammi di bresaola con 10 grammi di formaggio grana

- insalata mista condita con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva

 -60 grammi di pasta integrale con pomodorini e/o verdure alla griglia

- 100 grammi di ricotta e 200 grammi di fagiolini

- 50 grammi di fusilli con tonno al naturale

Cena

tutti i giorni un frullato di 2 kiwi accompagnato da una tisana diuretica e da una delle seguenti combinazioni a scelta:

- insalata di pomodori e finocchi con uno spiedino di pollo al curry

- crema di zucca con 200 grammi di branzino cotto al vapore in crema di kiwi e 40 grammi di pane integrale

- 200 grammi di petto di pollo cotto ai ferri con insalata di finocchi e carote

- 200 grammi di salmone al vapore o alla piastra con passato di verdure

- 150 grammi di nasello con pomodorini ed un’insalata di pomodoro

-  50 grammi di fusilli al pomodorino

Merenda

a scelta una delle seguenti combinazioni:

- crackers integrali

- un frutto a scelta con tè o caffè non zuccherati

- yogurt magro con tè o caffè non zuccherati

- 2 fette biscottate con tè o caffè non zuccherati

Ed ora siete pronti a tuffarvi in mare.

Buona estate da Gullino

Gullino è un’eccellenza: certificazioni e qualità

Senza titolo-1

Il fattore “qualità” è sempre stato, in Italia e in Europa, un importante terreno di confronto per rafforzare la competitività delle imprese e favorire una crescita dei consumi non disgiunta dagli aspetti della sicurezza e della protezione della salute.

Gullino non è da meno in questo, infatti possiamo definirla un’azienda Certificata con la “C” maiuscola.

Si, perché le certificazioni sono molte ed esiste un’attenzione particole che Gullino dedica alle aziende agricole che lavorano Logo_GlobalGAPper lei: sono tutte certificate GlobalGap (The Global Partnership for Good Agricoltural Practice) e fra queste il 50% produce solo biologico.

La certificazione GlobalGap è importante perché ha l’obiettivo di sostenere la commercializzazione dei prodotti agricoli nel rispetto di un protocollo che garantisce produzioni sicure per il consumatore con severo controllo dei fitofarmaci, dei concimi e dei prodotti di sintesi, tracciabilità, gestione consapevole dei rifiuti, rispetto dell’ambiente, salvaguardia della salute dei lavoratori ed attenzione alla salute degli animali.

GlobalGap significa sviluppo di buone prassi, in linea con l’evoluzione dell’attuale mercato nazionale e internazionale che si orienta verso standard sempre più rigidi e una vigilanza sempre più marcata in tutte le fasi della filiera produttiva.

Mangia Gullino. Mangia sano.

Credit photo

Insalata estiva con kiwi e peperone

kiwi pepe

L’estate è alle porte, per questo vi proponiamo una ricetta fresca e gustosa: insalata di kiwi e peperone.

Cominciamo con gli ingredienti

Difficoltà semplice
Tempo di preparazione 00:15′
Ingredienti per 2 commensali
  Peperone crudo: 1Olio extravergine di oliva : q.b.

Kiwi Gullino: 2

Fave: 2 baccelli

Pera: 1

Lattuga: 4 foglie

Mela: 1

Mais: q.b.

Disponete tutti gli ingredienti sul tavolo e predisponetevi al taglio di ognuno di essi

1

 

Tagliate la mela a cubetti, il peperone e la pera a filetti, il kiwi a rondelle. Pulite le fave privandole del baccello e della buccia

2 3

 

Riempiendo i bordi di un piatto piano disponete a raggiera i peperoni e le pere, in modo alternato, fino a formare una corona

4

Disponete al centro del piatto l’insalata ed accomodate su di essa le mele tagliate a dadini ed il mais. Ai bordi del piatto sistemate le fettine di kiwi e non dimenticate di decorare i filetti di pera con mais e fave sbucciate.

Il vostro piatto estivo e fresco è pronto. Aggiungete un filo d’olio extravergine d’oliva.

Un consiglio? Non salate l’insalata. L’effetto voluto è quello della frutta che domina sulla verdura, che è solo di accompagnamento.

5

 

Buon appetito da Gullino.

Norvegia: il kiwi costa meno

14aa435

In un momento come quello odierno in cui i produttori di kiwi lamentano l’eccessivo abbassamento dei prezzi da parte della concorrenza, sostenere che per “vendere di più” il frutto dovrebbe costare meno, sembra una provocazione rivolta alle imprese. Eppure in Norvegia la catena Kiwi è riuscita a far diventare questo sogno una realtà, senza intaccare i produttori.

pluss (1)Tutto è iniziato nel 2007 quando la catena di supermercati norvegesi Kiwi ha improvvisamente ridotto i prezzi di frutta e verdura del 15% (esattamente il valore della loro iva), facendosi promotrice di una campagna volta alla sensibilizzazione della politica locale per far si che anche il costo di frutta e verdura si abbassasse definitivamente, in virtù del valore salutare che possiedono gli elementi della terra. Kiwi ha continuato su questa strada notando che il fatturato cresceva in modo proporzionale a questo abbassamento dei costi.

Kristine Aakvaag Arvin, direttrice della comunicazione aziendale, spiega che l’obiettivo della catena di supermarket è quello di sostenere la salute dei consumatori. Per vendere di più ha anche modificato il posizionamento in store dei prodotti vegetali: non più in fondo a tutto, come accade nella maggior parte dei supermercati, ma all’ingresso, dove sono più visibili ed acquistabili.

A geKiwinnaio di quest’anno la svolta con il programma fedeltà Kiwi Pluss che offre ai clienti uno sconto del 7,5% su tutta la frutta e la verdura. Le vendite sembrerebbero già aumentate del 20% grazie agli acquisti con la carta fedeltà, collegata al conto corrente del cliente. La Norvegia ha una popolazione di 5 milioni di abitanti e finora hanno aderito al programma fedeltà 600.000 consumatori. Possiamo dire che l’iniziativa è decisamente popolare!

Ma è bene specificare che a prezzi inferiori per i clienti non corrispondono prezzi asciugati per i produttori. La Kiwi ha sostenuti gli sconti utilizzando il budget dell’area marketing; per meglio intenderci quello che ogni azienda spende per la comunicazione e il lancio dei prodotti. In questo modo i produttori continuano a vendere ai prezzi di sempre, il supermarket aumenta i suoi fatturati e il cliente risparmia preservando la propria salute.

Credit photo 

Gullino sceglie la Tracciabilità dei Prodotti

kiwi-352310_960_720

Ricordiamo spesso con nostalgia i tempi raccontati dai nostri nonni, quando era possibile mangiare un prodotto della terra acquistato direttamente dal produttore, senza passaggi intermedi. Oggi è sempre più raro poter scegliere questa modalità di acquisto eppure esiste un modo per mangiare con consapevolezza, orientandoci nella filiera del prodotto alimentare che è sulle nostre tavole.

Once it was possible to buy a product directly from the source while today the chain is long. If we choose the certified companies UNI EN ISO 22005 we can know where the product originates.

Noi di Gullino, ad esempio, per rimarcare l’impegno sul fronte della sicurezza alimentare abbiamo scelto di certificare il nostro sistema di rintracciabilità del prodotto adeguandoci allo kiwis-196807_960_720standard UNI EN ISO 22005. Così comunichiamo in modo trasparente con i nostri consumatori che possono conoscere l’origine di tutte le nostre produzioni.

Gullino chose the standard UNI EN ISO 22005 and well communicates with consumers.

Queste norme sono nate per prevenire adulterazioni o contraffazioni di prodotti, come è più volte accaduto con l’olio extravergine di oliva che veniva prodotto in Italia ma con olive straniere oppure lavorato all’estero ma da aziende Italiane. Tutti fattori che hanno influito negativamente sulla salvaguardia del prodotto.

These rules exist to prevent counterfeitings. For example olive oil has been often counterfeited.

In generale la tracciabilità in etichetta consente ai consumatori di scegliere un prodotto al 100% italiano ma anche alle autorità preposte di controllare che chi si fregia in etichetta delle diciture DOP, IGT o IGP ne abbia effettivamente il diritto.

With you choose a 100% Italian product.

La Prevenzione in 8 Semplici Mosse

wellness-1382475_960_720

Una sana alimentazione associata a uno stile di vita attivo è il segreto per la prevenzione, la gestione e il trattamento di molte malattie, anche di origine tumorale. Un regime dietetico adeguato ed equilibrato garantisce un giusto apporto di nutrienti ma permette anche di ricevere sostanze che svolgono un ruolo protettivo e preventivo nei confronti di determinate malattie.

A healthy diet and an active lifestyle protect from disease. Some substances have a beneficial role to preventing cancer.

Scopriamo insieme come fare una prevenzione serena a casa nostra:

Together  we discover how to do prevention at home:

  1. Manteniamoci magri (Lose weight!): è accertata la correlazione fra obesità e malattie croniche
  2. Consumiamo più frutta e verdura (Eat fruits and vegetables!): consumando alimenti di origine vegetale è possibile ridurre il rischio di cancro ma anche di sovrappeso e obesità
  3. Limitiamo o escludiamo le bevande zuccherate (We do not drink sugary things!): una dieta troppo ricca di prodotti industriali carichi di zuccheri è spesso correlata a un aumento del rischio di sovrappeso e obesità; queste due condizioni aumentano il rischio di cancro e di numerose altre patologie croniche
  4. Facciamo sport (Practice sport!): la relazione tra attività fisica e ribackground-1239436_960_720duzione dell’incidenza di tumori è chiara perché lo sport potenzia il sistema immunitario, riduce il grasso corporeo e migliora le funzioni digestive
  5. Limitiamo il consumo di carne rossa (Eat little red meat!): la raccomandazione è di non superare i 500 grammi settimanali
  6. Beviamo meno alcol (Less alcohol!): l’eccesso di alcol è legato a un aumento del rischio di patologie tumorali, specie se associato al fumo di sigaretta
  7. Limitiamo il sale (Reduce salt!): riducendo il consumo di sale e di prodotti ricchi di sale è possibile prevenire il rischio di cancro allo stomaco
  8. Allattiamo al seno (Breastfeed!): questo protegge da infezioni durante l’infanzia e rinforza lo sviluppo del sistema immunitario del bambino

L’amico del Cuore …

GettyImages-98019054

Lo studio del dott. Duttaroy, pubblicato sulla rivista Platelets, già anticipava ciò di cui si parla sempre più frequentemente negli ultimi anni. Frutta e verdura sono i migliori alleati del cuore! L’elevatissimo numero di antiossidanti difende le cellule vascolari  tanto che per tutti noi consumare alimenti freschi della terra dovrebbe diventare una routine. 

Fruits and vegetables are good for the heart. He says scientific research of doctor Duttaroy, published in the journal Platelets. Antioxidants defend vascular cells. Therefore we must eat every day fruits and vegetables.

Fra  tutte le varietà di frutta e verdura il kiwi sembra avere in più la capacità di mantenere fluido il sangue riducendo l’aggregazione piastrinica, causa dell’arteriosclerosi.isolated-1188036_960_720

The kiwi, in particular, keeps the blood fluid and it reduces the platelets that cause arteriosclerosis.

Lo studio del dott. Duttaroy, di levatura internazionale, conferma che il campione di soggetti che hanno consumato tre kiwi al giorni ha visto spontaneamente ridursi l’attività piastrinica, rispetto al gruppo di controllo che non ha consumato il frutto verde. Inoltre sono stati evidenziati anche sensibili cali di trigliceridi nel sangue.

The study of Dr.Duttaroy report that consuming two or three kiwi fruit per day for 28 days reduced platelet aggregation.  In addition, consumption of kiwi fruit lowered blood triglycerides levels by 15% compared with control

Ecco perché il kiwi è l’amico del cuore.

Credit featured image

 

Il kiwi come cosmetico naturale

detail-1364581_960_720

Con l’arrivo della primavera siamo tutti più affaticati e anche la nostra bellezza ne risente. Quelle fastidiose occhiaie che circondano il nostro sguardo e ci rendono meno comunicativi, devono trovare un rimedio. Il trucco copre ma non risolve mentre noi di Gullino abbiamo trovato per i nostri lettori un rimedio naturale, economico e fresco: il kiwi.

In spring we are tired and we have eyes socket. Gullino has a solution for all readers. It’s a natural and economical remedy: his name is kiwi.

cosmetics-1367782_960_720Non è un’esagerazione sostenere che questo miracoloso frutto apporti mille benefici. Da oggi il kiwi è utilizzato anche per far scomparire o ridurre le occhiaie che sono il frutto di stress, ritmi stancanti, cattiva alimentazione o allergie.

Stress, allergies, tiring rhythms, poor diet create a eyes socket and kiwi is a solution.

Il kiwi è un ottimo alleato nella lotta contro le occhiaie perché ricco di vitamine e nutrienti. Riduce le infiammazioni, distende la pelle e si applica sugli occhi come faremmo con il più noto cetriolo. E’ sufficiente tagliarlo a fettine e lasciarlo adagiarsi sui nostri occhi …  per uno sguardo che non avrà eguali!

The kiwi is rich in vitamins and nutrients therefore he eliminates eyes socket. Apply to the eyes as a cucumber.

Ma non finisce quì. Il mondo della frutta è da sempre un alleato della bellezza. Al posto del kiwi possiamo usare anche mela verde, camomilla, menta e patata.

Also the potato, apple, chamomile and mint eliminate eyes socket because the fruit always helps.

Stitichezza a suon di kiwi!

tattoos-489062_960_720

E’ ormai noto ad ogni lettore del nostro blog quanto l’amato kiwi sia benefico per l’intero organismo.

We know that the kiwi is good for our body.

Abbiamo scritto più volte nella sezione “health” del blog in merito alle sue proprietà miorilassanti, antiossidanti e digestive. Molti scelgono il frutto verde per favorire anche altre funzioni, fra le più delicate di questi tempi, come la stitichezza.

In the health page on our blogkiwi-1402850_960_720 we wrote many times on the kiwi’s beneficial properties: muscle relaxant, antioxidant and digestive.

Disfunzione sempre più diffusa e annoverata fra i disturbi psicosomatici per eccellenza di questo secolo, la stipsi si può affrontare anche con un kiwi, frutto dall’eccezionale azione lassativa. Il potassio contenuto in questo frutto ha un effetto miorilassante che attenua lo stress fisico causato dalla stitichezza, mentre l’alto contenuto di pectina ne fa un ottimo probiotico naturale.

Constipation is also a psychosomatic disorder that you can solve with a kiwi. Kiwi has a laxative effect, it is a muscle relaxant and he helps to solve the physical stress. Also  he contains pectin which is a natural probiotic.

Se è davvero così, perché ricorrere ai farmaci?

So before using the medicines we try to eat a kiwi.

1 12 13 14 15 16