Tag Archivio: kiwi verde

5 cose che non sai del kiwi

KIWI-verde-e-giallo

Noi italiani siamo il secondo Paese la mondo per produzione di kiwi. Il frutto verde, peloso e poco bello alla vista, è caratterizzato da alcune proprietà che ci aiutano a stare meglio. Molte le conosciamo già: miglior apporto di acido folico, abbattimento del mal di testa e della sonnolenza, rallentamento dell’invecchiamento della pelle ecc…

Eppure ci sono altre 5 cose davvero speciali che ancora non conoscete del kiwi. Ve le raccontiamo una ad una.

  1. Il 90% dei kiwi che consumiamo sono di provenienza italiana. Mangiare kiwi, quindi, è un buon modo per sostenere l’agricoltura del nostro territorio
  2. Ne esistono di tutti i colori, dai più piccoli ai più grandi. In effetti sui banchi possiamo trovare i kiwi a polpa gialla, quelli a polpa verde, quello a polpa rossa e quello bicolore con striature gialle e rosse oppure verdi e rosse. Inoltre incontriamo kiwi monodose da mangiare con il cucchiaino (quelli classici) e kiwi così piccoli che si divorano in un solo boccone
  3. kiwi-rosso-1300x867E’ un integratore naturale in quanto ricco di vitamine C, B1, B2, B3 e B9, di provitamina A, di calcio, ferro e proteine.
  4. E’ uno dei pochi frutti che apporta clorofilla, un pigmento vitale per la fotosintesi, che permette alle piante di ottenere energia dalla luce. La molecola della clorofilla contiene magnesio, importate per il metabolismo energetico, il sistema nervoso e quello muscolare, utile per combattere stanchezza e affaticamento.
  5. E’ un frutto furbetto. Essendo ricco di vitamina C aiuta a fissare il ferro contenuto negli alimenti: quindi è perfetto a fine pasto dopo una bistecca di vitello, un filetto di maiale, un trancio di salmone o una scaloppina di pollo. Ma c’è un altro motivo per cui il kiwi è perfetto con gli alimenti proteici: è l’unico frutto che contiene actinidina, un enzi­ma naturale che facilita la digestione delle proteine.
    Grazie all’alto contenuto di potassio, il kiwi stempera il sodio dei salumi (con cui è delizioso, provare per credere con la mortadella) e dei formaggi (è perfetto con quelli freschi e cremosi), facilitando al contempo la disponibilità delle proteine che contengono.

Il nostro chiodo fisso? Il Kiwi verde.

background-1239246_960_720

Il kiwi verde e il kiwi giallo sono le nostre produzioni di punta. Un concentrato di energia che fa di Gullino il leader italiano nella produzione di kiwi. Oggi vi parliamo del kiwi verde, che ci rende indistinguibili in tutti i Paesi.

kiwi-953995_960_720L’Actinidia deliciosa, comunemente detto kiwi, è una pianta da frutto originaria della Cina.
La pianta è una liana rampicante a foglie caduche. Le sue grandi dimensioni le consentono di arrivare fino a 10 m di altezza. Una varietà di kiwi di particolare rilievo è la Hayward, che noi di Gullino coltiviamo e distribuiamo in tutto il mondo.

La Hayward presenta un frutto medio grande, a buccia robusta e polpa verde. Questa varietà ha, peraltro, una caratteristica di enorme importanza merceologica rispetto alle altre: può essere conservata in frigorifero per mesi senza subire danni, mentre per far maturare il frutto è sufficiente tenerlo al caldo con alcune mele.

kiwi-570134_960_720L’acidità che percepiamo quando assaporiamo un kiwi è dovuta all’altissima concentrazione di vitamina C, responsabile dell’attività antiossidante ed auto conservante del frutto stesso.
La vitamina C che troviamo nel kiwi è di gran lunga superiore a quella delle arance … e come è noto questa vitamina è un ottimo rimedio contro l’invecchiamento.

Da una mutazione gemmaria dell’Hayward si ottiene la Green Light, specie che può essere raccolta 30-35 giorni prima di Hayward ma che per il resto conserva le medesime caratteristiche.

girl-1722402_960_720The Green Light species comes from Hayward but mature before. For the rest two fruits are equal.

Che cosa aspettate? Siamo nella piena stagionalità del  kiwi e non vi resta che mangiarlo e restare giovani … per sempre!