La quercetina della mela batte il corona virus 1 – 0

E’ dalla natura che arriva una nuova speranza per la lotta al corona virus. Si chiama quercetina ed uno studio internazionale, pubblicato su pubblicato su International Journal of Biological Macromolecules, al quale ha partecipato l’Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche, il Cnr-Nanotec di Cosenza, la indica come composto con funzioni inibitorie specifiche del Sars-CoV-2. La sostanza mostra infatti un’azione destabilizzante sulla 3CLpro, una delle proteine chiave per la replicazione del patogeno.

La quercetina è solo uno dei molti tipi di sostanze fitochimiche presenti in frutta e verdura, specie nella mela. Ha diverse proprietà originali e interessanti dal punto di vista farmacologico: è presente in abbondanza in vegetali comuni come capperi, cipolla rossa e radicchio, in alcuni frutti come la mela e i mirtilli, ed è nota per le sue proprietà anti-ossidanti, anti-infiammatorie, anti-allergiche, anti-proliferative.

Insomma, una bomba di facoltà positive che oggi più che mai dovrebbero trainarne il consumo, visti i risultati emersi dallo studio nella lotta al Covid.

“Le simulazioni al calcolatore hanno dimostrato che la quercetina si lega esattamente nel sito attivo della proteina 3CLpro, impedendole di svolgere correttamente la sua funzione – afferma Rizzuti, autore della parte computazionale dello studio – già adesso questa molecola è alla pari dei migliori antivirali a disposizione contro il coronavirus, nessuno dei quali è tuttavia approvato come farmaco”.

 

Credit photo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × cinque =