Intervista a Carola Gullino, donna, imprenditrice, mamma. Coniugare 3 ruoli, oggi, è semplice?

Nel giorno della festa internazionale della donna abbiamo voluto dare la parola a Carola Gullino, amministratore delegato dell’azienda di famiglia, vicepresidente dell’associazione nazionale Le Donne dell’Ortofrutta, mamma, moglie, figlia e donna. Quante cosa si nascono in una persona sola. Ma come fanno le donne oggi ad essere multitasking? Come è possibile che non perdano mai il bandolo della matassa? Lo abbiamo chiesto a Carola per celebrare con lei le donne, ma anche per aprire un focus sulle necessità che questo ruolo di genere, oggi, richiede.

Ciao Carola, oggi siamo qui con te in quanto vicepresidente dell’Associazione Nazionale Le Donne dell’Ortofrutta. L’Associazione, di recente, ha pubblicato un’interessante indagine per tracciare l’identikit delle socie, tutte donne ed imprenditrici. Ciò che emerge è che le donne del settore, pur lavorando tanto e quanto gli uomini, si ritrovano ancora una volta a trainare altri sistemi sociali come quello famigliare. Ma dove trovano il tempo, le donne, per fare tutto questo?

Sicuramente noi donne siamo multitasking e riusciamo a gestire più cose insieme. Basti pensare all’organizzazione della vita famigliare. Ricordarsi appuntamenti sportivi, compiti, spesa e cosa preparare per cena sono un’ottima esercitazione per organizzare anche la propria vita lavorativa. Abbiamo imparato ad ottimizzare i tempi, a capire quali sono le priorità . Questo non vuol dire che siamo perfette e che ogni tanto, o anche spesso, qualcosa sfugga al nostro controllo. Credo che il vero segreto per riuscire a convogliare i vari impegni, famigliari e lavorativi, sia quello di non essere troppo rigidi con se stessi, accettare di lasciar andare qualcosa ogni tanto, chiedere aiuto e sostegno alle persone che ci sono più vicine. Credo che un ruolo importante lo abbiano anche i papà di oggi. La genitorialità deve essere condivisa. In casa non deve fare tutto la mamma, ma anche il papà. I compiti  vanno divisi perché non può pesare sempre tutto sulle spalle delle donne.

Qual è la tua giornata tipo come donna, imprenditrice e mamma?

La mia giornata tipo è piuttosto movimentata! Ho tre bimbi di età diverse quindi con esigenze diverse. Uno frequenta le medie, uno le elementari e il piccolo l’asilo. Dopo aver posato tutti posso dedicarmi al mio “secondo“ lavoro. Vado in ufficio e passo lì la mattinata. Il mio lavoro lo conoscete quindi sapete che non ci si annoia mai! Ci sono giorni più tranquilli e altri più movimentati… spesso ci sono “problemi da risolvere” o imprevisti dell’ultimo minuto . All’ora di pranzo recupero i miei ragazzi che per fortuna si accontentano di un pranzo frugale! Il pomeriggio “combatto” per far fare i compiti a tutti… alcuni pomeriggi torno in ufficio e altri  lavoro da casa (quando non un aiuto con i ragazzi). Ormai con gli smartphone non si ha un attimo di tregua, tra whatsapp che è diventato anche un mezzo di lavoro e le email. Sono anche un’ottima autista e cerco di fare del mio meglio come cuoca! Mi piace il mio lavoro e cerco di farlo con passione, ma mi piace anche stare con i miei figli e occuparmi di loro. Non voglio demandare ad altri la loro educazione e non voglio perdermi dei momenti insieme a loro adesso che sono ancora piccoli. Il tempo passa in fretta. Tra pochi anni quando avrò il “nido“ vuoto avrò tempo per dedicarmi ancora di più al lavoro. Ma adesso con qualche sacrificio cerco di fare entrambe le cose al meglio. E tutte le donne che lavorano sono la prova che è possibile sentirsi realizzati nel proprio lavoro e non per questo non essere presenti all’interno della famiglia. Siamo donne! Siamo forti e non ci ferma nessuno!